Il crollo della fisica quantistica

«Natura abhorret vacuum» diceva un antico detto. Di conseguenza, per riempire il vuoto lasciato dalla fisica quantistica, in uno dei miei precedenti articoli, ho introdotto l’etere fatto di eteroni, le sue particelle costituenti. Di conseguenza, l’etere ha una natura discreta, essendo gli eteroni l’unità minima che lo costituiscono.
In questo capitolo voglio discutere del modo in cui la fisica quantistica cerca di formulare una descrizione ampia e completa dei fenomeni luminosi, costruendo un mostro descrittivo che dobbiamo assolutamente abbattere per recuperare la corretta descrizione della realtà. Solo facendo così avremo via libera  e strada spianata alla corretta descrizione della Terra piatta.
La fisica classica afferma che le particelle sono particelle, le onde sono onde e le due non si mescolano. Le particelle possono essere descritte dalla loro massa m e dalla loro energia E. Le onde possono essere descritte dalla loro ampiezza A e dal fattore d’onda k=2π/λ dove lambda rappresenta la lunghezza d’onda. La fisica classica è quindi perfettamente in grado di descrivere un’onda longitudinale acustica che si propaga in una barra d’acciaio o un’onda trasversale meccanica che si propaga superficialmente nell’acqua o internamente in qualsiasi mezzo solido.
La realtà descritta dalla fisica quantistica è diversa: le particelle si comportano come onde e viceversa. Questa è l’idea fondamentale che sta alla base della fisica moderna. Questa è l’idea che vogliamo scardinare per il fatto che abbiamo reintrodotto il concetto di etere.
Il primo ad affermare che la luce ha una natura particellare è stato Newton. Huygens, d’altra parte, sosteneva che la luce abbia una natura ondulatoria. Una delle più grandi idee della meccanica quantistica è stata la quantizzazione della luce, che consente di considerare una radiazione come formata da pacchetti discreti di energia. Soffermiamoci un po’ su questa idea e ragioniamo su ciò che già sappiamo sull’etere.
Abbiamo postulato un etere formato da eteroni che sono immobili e spenti, o non visibili. Nel momento stesso in cui una vibrazione muove una quantità di eteroni, essi iniziano a oscillare generando un’onda e si accendono, generando cioè degli effetti. L’occhio, essendo specializzato a percepire una certa frequenza elettromagnetica, può vedere la luce se la vibrazione ha una frequenza nel campo visibile. L’onda si propaga come entità meccanica, senza trasporto di massa o trasporto di etere ma con trasporto di energia. Gli eteroni vibrano solo nella loro posizione longitudinalmente o trasversalmente a seconda del tipo di onda, che può essere longitudinale o trasversale.
Cerchiamo di considerare, in base alle nostre nuove conoscenze dell’etere, i fenomeni luminosi di tipo particellare e quelli di tipo ondulatorio. Questo fenomeni, vedremo, sono facilmente spiegabili come un’onda che si propaga tra particelle, cioè gli eteroni. La si può facilmente visualizzare come l’onda di superficie che si propaga tra le molecole di acqua sulla superficie di un lago colpito da un sasso lanciato da un bambino. Non c’è spostamento di materia. Le molecole semplicemente oscillano sul posto. Allo stesso modo l’onda elettromagnetica si propaga nell’etere e, quando incontra un ostacolo, viene riflessa o rifratta o magari interferisce con un’altra onda.
I fenomeni in cui la luce si comporta come una particella sono un po’ più difficili da spiegare. Questi sono l’effetto fotoelettrico, l’effetto Compton e la produzione di coppie di Dirac. Come possiamo spiegare questi effetti?
Queste sono semplicemente collisioni di particelle. L’etere ha probabilmente una massa molto ridotta, ma ha comunque una quantità di moto che deve essere considerata costante in un impatto con un elettrone. Quindi non ci dovrebbe essere difficile spiegare anche questi fenomeni luminosi secondo questa nuova teoria dell’etere.
Da Wikipedia iniziamo a vedere qualcosa sull’effetto fotoelettrico: «Nella fisica dello stato solido l’effetto fotoelettrico è il fenomeno fisico di interazione radiazione-materia caratterizzato dall’emissione di elettroni da una superficie, solitamente metallica, quando questa viene colpita da una radiazione elettromagnetica, ossia da fotoni aventi una certa lunghezza d’onda».
Secondo la teoria elettromagnetica classica, antecedente allo sviluppo della fisica quantistica, questo effetto può essere attribuito al trasferimento di energia dalla luce a un elettrone. Da questa prospettiva, un’alterazione dell’intensità della luce indurrebbe cambiamenti nell’energia cinetica degli elettroni emessi dal metallo. Inoltre, secondo questa teoria, ci si aspetterebbe che una luce di debole intensità mostri un ritardo tra lo splendore iniziale della sua luce e la successiva emissione di un elettrone. In effetti, i risultati sperimentali non erano correlati a nessuna delle due predizioni fatte dalla teoria classica.
Invece, gli elettroni vengono estratti solo quando c’è urto dei fotoni, quando quei fotoni raggiungono o superano una frequenza di soglia (energia). Al di sotto di tale soglia, dal materiale non vengono emessi elettroni, indipendentemente dall’intensità della luce o dal tempo di esposizione alla luce (raramente, un elettrone fuggirà assorbendo due o più quanti). Una maggiore intensità luminosa significa solo un maggior numero di elettroni strappati dal metallo, ma solo se la frequenza luminosa, cioè la sua energia, supera la soglia necessaria.
Per dare un senso al fatto che la luce può espellere elettroni anche se la sua intensità è bassa, Albert Einstein propose che un raggio di luce non è un’onda che si propaga attraverso lo spazio, ma piuttosto una raccolta di pacchetti di onde discrete (fotoni), ciascuno con energia E = h𝜈. Questo ha fatto luce sulla precedente scoperta di Max Planck della relazione E = hν che collega l’energia (E) e la frequenza (ν) derivante dalla quantizzazione dell’energia. Il fattore h è noto come costante di Planck.
Come possiamo spiegare queste caratteristiche dell’effetto fotoelettrico alla luce delle nostre scoperte sull’etere? Vediamo.
Un’onda luminosa si propaga verso la superficie metallica. Mentre è in movimento, mette in vibrazione gli eteroni nella zona di propagazione. Quando l’ultimo eterone, quello a diretto contatto con la superficie della piastra metallica, inizia a vibrare, va a colpire un elettrone libero sulla superficie. Se l’etere ha abbastanza energia dall’onda (𝐸 = ℎ ∙ 𝜈), può trasferire all’elettrone il quanto di energia necessaria per liberare l’elettrone. Se la frequenza è bassa, l’energia non sarà sufficiente per estrarre l’elettrone, non importa quanto sia grande l’intensità luminosa.
In conclusione, anche in questo caso, non possiamo dire che la luce si comporti come una particella: si comporta come sempre e il fenomeno è semplicemente un impatto di un eterone con un elettrone, essendo l’eterone messo in oscillazione dall’onda di passaggio.

Proviamo a spiegare l’effetto Compton. Questo è un altro dei fenomeni che sembrano poter essere spiegati solo attribuendo alla luce una natura particellare ma vedremo subito che esso è perfettamente spiegabile con l’etere.
In questa immagine, che ho ripreso da Wikipedia, si può vedere un emissione di raggi X (il cosiddetto fotone) che si muove con la velocità della luce (rappresentato nella figura come un’onda longitudinale blu) mentre colpisce un elettrone. L’elettrone si allontana con un angolo di diffusione (scattering) derivato dalla conservazione della quantità totale di moto. Di conseguenza il cosiddetto “fotone” viene disperso con meno energia (una parte dell’energia viene trasmessa all’elettrone) che significa una frequenza minore.
Il fotone (nel nuovo quadro concettuale direi l’eterone), è rappresentato nella figura con un’onda rossa, vale a dire una radiazione con una lunghezza d’onda maggiore e meno energia (𝐸 = ℎ ∙ 𝜈).
Questa è la situazione attuale: l’onda blu, e non la particella, si sta muovendo verso l’elettrone. L’onda è uno stress dello spazio, cioè dell’etere. L’onda è di alta energia e, durante il suo movimento, mette in vibrazione tutti gli eteroni. Quando l’onda arriva in prossimità dell’elettrone, anche l’eterone più vicino inizia a vibrare e colpisce l’elettrone con l’energia trasportata dall’onda.
L’elettrone si allontana con un angolo che può essere calcolato tenendo presente la conservazione del momento e dell’energia totali. Si utilizzino per questo le equazioni classiche dell’urto elastico. L’onda perde parte della sua energia (data all’elettrone) e si trasforma così nella frequenza del rosso. L’impatto è, quindi, un impatto tra le particelle, mentre lo scattering caratterizza l’onda. La fisica classica è in realtà l’unico mezzo in grado di spiegare tutto. E questo è abbastanza sorprendente!
Vediamo ora la produzione di coppia che  è la creazione di una particella elementare e della sua antiparticella da un bosone neutro. Gli esempi includono la creazione di un elettrone e un positrone, un muone e un antimuone, oppure un protone e un antiprotone. La produzione di coppia si riferisce spesso specificamente a un fotone che crea una coppia elettrone-positrone vicino a un nucleo. Affinché si verifichi la produzione di coppia, l’energia in arrivo dell’interazione deve essere al di sopra di una soglia almeno dell’energia di massa totale a riposo delle due particelle e la situazione deve conservare sia l’energia che il momento.
Tuttavia, tutti gli altri numeri quantici conservati (momento angolare, carica elettrica, numero leptonico) delle particelle prodotte devono essere sommati a zero. Quindi le particelle create devono avere valori opposti, l’una rispetto all’altra. Ad esempio, se una particella ha una carica elettrica di +1, l’altra deve avere una carica elettrica di -1 o se una particella ha una stranezza di +1, un’altra deve avere una stranezza di -1.
La probabilità della produzione di coppia nelle interazioni fotone-materia aumenta con l’energia del fotone e aumenta anche approssimativamente come il quadrato del numero atomico dell’atomo vicino (Wikipedia).

Per i fotoni con alta energia (scala MeV e superiore), la produzione di coppie è la modalità dominante dell’interazione dei fotoni con la materia. Queste interazioni furono osservate per la prima volta in camera ad atmosfera controllata da Patrick Blackett, portandolo al Premio Nobel per la fisica del 1948. Se il fotone si trova vicino a un nucleo atomico, l’energia di un fotone può essere convertita in una coppia elettrone-positrone: γ → e– + e +.
L’energia del fotone viene convertita in massa di particelle secondo l’equazione di Einstein, E = mc2; dove E è energia, m è massa e c è la velocità della luce. Il fotone deve avere un’energia superiore alla somma delle energie di massa a riposo di un elettrone e un positrone (2 × 0,511 MeV = 1,022 MeV) affinché avvenga la produzione. Il fotone deve trovarsi vicino a un nucleo, al fine di soddisfare la conservazione della quantità di moto, poiché una coppia elettrone-positrone che produce nello spazio libero non può soddisfare la conservazione dell’energia e della quantità di moto.
Il contrario di questo processo è l’annichilimento del positrone elettronico. In questo caso, un raggio gamma che ha un’energia molto alta e ha un impatto a nucleo, può avere un comportamento anelastico, cioè la quantità totale di energia non si conserva ma crea particelle con massa che possono essere elettroni e positroni o protoni e antiprotoni con un livello più alto di energia o neutroni e antineutroni …
Anche nel caso di produzione di coppie possiamo semplicemente spiegare l’urto tra particelle come l’urto dell’ultimo eterone messo in oscillazione dall’onda altamente energetica con il nucleo in questione. L’impatto dell’eterone può quindi produrre materia come previsto dall’equazione di Einstein E = mc2. L’onda perde la sua energia e si disperde a livelli minori di frequenza, spesso nel campo del blu. (Effetto Cerenkov).
In conclusione la fisica quantistica è nata perché i fisici dovevano trovare un modo per spiegare il fatto che le radiazioni trasmettono energia in modo discreto e quantizzato. Sono stati costretti a postulare che la luce è un’onda che in alcune situazioni si comporta come una particella. Il problema sorse dalla folle idea di Einstein di rimuovere l’etere dalla scienza, come conseguenza della sua relatività ristretta.
Tuttavia, abbiamo chiarito che l’intero problema può essere risolto reintroducendo l’etere. Le particelle dell’etere, gli eteroni, sono il lato particellare della luce; l’onda trasmessa attraverso l’etere, a causa dell’oscillazione degli eteroni, è il carattere ondulatorio della luce. Questa è un’interpretazione totalmente classica della natura dei fenomeni elettromagnetici.

Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.
Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.
E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.




Leggi la notizia completa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: