Rilevata dagli scienziati una strana perturbazione spazio-temporale

Il fenomeno delle onde gravitazionali è stato ampiamente predetto e affrontato teoricamente dal famoso fisico Albert Einstein che con la sua teoria della relatività pretendeva spiegare tutto ciò che si verifica all’interno del nostro universo. Queste onde gravitazionali sono generate dal rilascio di grandi quantità di energia, questo a seguito della collisione di enormi oggetti estremamente densi, come i buchi neri.Per la prima volta le onde gravitazionali sono state osservate dagli scienziati il 14 settembre 2015. Tali propagazioni sono il risultato delle devastanti collisioni tra i buchi neri a seguito delle quali potrebbero verificarsi delle distorsioni nelle pieghe dello spazio-tempo. Utilizzando i rivelatori interferometrici per le onde gravitazionali LIGO e VIRGO, gli esperti stanno studiando uno strano evento verificatosi in una galassia situata a 130 anni luce dalla Terra, che secondo loro potrebbe rappresentare la prova di una perturbazione completamente nuova e precisamente l’alterazione dello spazio-tempo. Tuttavia, gli scienziati dell’osservatorio spaziale americano (LIGO-Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory) e il VIRGO, un grande interferometro europeo progettato per rilevare le onde gravitazionali così come ipotizzato dalla teoria generale della relatività, sono convinti di aver assistito a una nuova fonte di disturbi gravitazionali, provocati molto probabilmente dalla collisione di due stelle di neutroni o a seguito del collassamento di stelle supergiganti.




Leggi la notizia completa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: