UFO: Mussolini ordinò silenzio sulla caduta di un ‘velivolo non convenzionale’

Parlare di alieni non è mai facile. Non lo è mai stato e mai lo sarà, almeno fino a quando non se ne avrà la certezza assoluta. Ciò avviene a tutti i livelli, al bar con gli amici e tra i capi di Stato. La letteratura è piena di avvenimenti misteriosi dove si cambia più volte versione sull’accaduto, forse per confondere le acque o per coprire altre verità. Tutti noi, impavidi appassionati del tema, non possiamo non ricordare ciò che è accaduto a Roswell in quel maledetto (o benedetto??) luglio del 1947 che ha dato inizio in un certo senso a qualcosa di nuovo, a qualcosa di cui fino ad allora non si era mai esplicitamente parlato. Prima di quell’evento però, nel 1933,  nella nostra Italia sotto il regime fascista, l’interesse per gli ‘oggetti volanti non identificati‘ era alto.
 
I telegrammi sugli UFO del regime fascista
Il termine UFO non era ancora stato coniato, ma Benito Mussolini a quanto pare, sapeva che c’era qualcosa che sfrecciava nei cieli del Paese. Il suo interesse per il tema era davvero alto. In Lombardia quello stesso anno qualcosa si schiantò al suolo. Fu descritto come un oggetto cilindrico (UFO diventato poi famoso in moltissimi avvistamenti). Mussolini ordinò di bloccare immediatamente qualsiasi diffusione sull’argomento alla stampa e parlare invece di qualcosa di più “rassicurante” come un meteorite. A studiare i resti del presunto UFO fu il Gabinetto RS/33, una commissione istituita dal Duce per indagare sui velivoli sconosciuti. Si pensava ad un’arma di produzione tedesca o nemica e di ‘oggetto volante non convenzionale’.
Sono venuti alla luce dei telegrammi presentati dal CUN (Centro Ufologico Nazionale) che si sarebbero scambiati gli ufficiali parlando del tema. “D’ordine personale del Duce disponesi assoluto silenzio su presunto atterraggio su suolo nazionale ad opera velivolo sconosciuto”, recitava uno. Questo certamente significa che l’interesse per gli UFO in realtà non comincia con Roswell, ma era già acceso anni prima.
Anche se non si fa riferimento a qualcosa di “alieno”, è chiaro che la politica di non divulgazione è stata sempre messa in atto. D’altronde la segretezza è necessaria quando si parla di segreti militari. Oppure no?
L’articolo UFO: Mussolini ordinò silenzio sulla caduta di un ‘velivolo non convenzionale’ sembra essere il primo su Mystery News.




Leggi la notizia completa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: