Un enorme spermatozoo individuato sulla superficie di Marte

Perché la NASA è così interessata agli inaccessibili segreti  di Marte? Quali sono le vere intenzioni degli scienziati che da anni stanno valutando la possibilità di organizzare delle spedizioni umane destinate a mettere piede sul misterioso pianeta rosso? Quand’è’ che inizieremo a guardare ciò che esiste al di fuori del nostro pianeta con un ottica completamente diversa da quella attuale? Perché non accettare delle regole a noi sconosciute e che devono necessariamente adattarsi alla nostra prospettica realtà?La NASA ha sempre ragione. Se gli scienziati della NASA preferiscono non voler concepire la vita su Marte,allora vorrà dire che l’ergo non esiste. La nostra attuale scienza si è sviluppata da ciò che abbiamo sperimentato in anni di ricerche e questo non ci obbliga a non guardare oltre il proprio naso. Non è affatto escluso che possano esistere migliaia di altre leggi fisiche che governano l’universo e che ancora non conosciamo. Allo stesso modo possono esistere batteri extraterrestri ed esseri intelligenti particolarmente resistenti alla radiazione cosmica. L’autore del sito UFOlog, nell’esaminare alcune panoramiche del pianeta rosso attraverso la piattaforma satellitare di Google Maps, si è imbattuto con uno strano oggetto marziano molto simile a uno spermatozoo terrestre. Secondo alcuni calcoli planimetrici, la curiosa struttura sarebbe lunga circa sei chilometri. L’ufologo ha voluto confrontare la strana scoperta con il misterioso oggetto ovale individuato in precedenza sul pianeta rosso il quale sembrava avere una grande sporgenza sulla parte posteriore. Inoltre, egli suppone che la strana anomalia potrebbe essere una sorta di organismo vivente, molto simile ad alcune creature terrestri che vivono nelle profondità dei nostri mari. La domanda è. Come può un gigantesco spermatozoo vivere senza acqua e cibo? Gli utenti della rete, dopo aver visto la strana anomalia marziana hanno subito condiviso le loro variopinte opinioni. Per alcuni, non si tratta affatto di un’entità vivente, ma piuttosto di una depressione vuota creata sulla superficie marziana da un’antico giacimento d’acqua alimentato da un lungo affluente . C’è anche chi è convinto che potrebbe trattarsi  di un’astronave aliena che attraverso  la lunga coda, sarebbe in grado di catturare  l’energia solare in modo da alimentare i propulsori al plasma. 




Leggi la notizia completa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: